Dal 4 maggio ripartono i matrimoni, ma senza feste

Estratto di un articolo del Corriere della Sera

di Monica Guerzoni e Fiorenza Sarzanini

Fase 2 del coronavirus dal 4 maggio, il decreto su congiunti, mascherine e spostamenti: come cambierà la nostra vita

Ecco le nuove regole contenute nel Dpcm che avranno impatto sulla quotidianità nella fase 2: dal 4 maggio in poi passeggiate libere e ripartono i matrimoni, ma senza feste

 Nozze sì, ma senza festa

Possono essere celebrati i funerali ma con alcune limitazioni: possono essere presenti fino a un massimo di 15 persone e che siano soltanto parenti prossimi, preferibilmente all’aperto, con le mascherine e rispettando la distanza di un metro. Si possono celebrare anche i matrimoni con la presenza dei testimoni e dei parenti stretti. Ma non è possibile organizzare alcuna festa. Non si possono invece celebrare le messe. Secondo il parere fornito al governo dal Comitato tecnico scientifico «la partecipazione dei fedeli alle funzioni religiose comporta allo stato attuale alcune criticità ineliminabili che includono lo spostamento di un numero rilevante di persone e i contatti ravvicinati durante l’eucarestia». Per questo hanno sottolineato che un nuovo parere potrà essere formulato il 25 maggio 2020. E adesso il governo valuta se far svolgere messe all’aperto.

Versione integrale articolo